IL MANDIR DELLA PACE

Rete internazionale di volontariato culturale, sociale e umanitario

----- Comunicazione originale-----


Da: info@parmarth.com


A: shantimandir@tiscalinet.it


Spedito: martedì, il 26 settembre 2006 9:37 di mattina


Soggetto: Benedizioni di Navaratri da Pujya Swami Chidanand Saraswatiji


 


Cara Anima Divina Gabriella Lavorgna,

Io spero che - per grazia di Dio – questa email  trova Lei  e tutti i Suoi  amati nel meglio della salute e della felicità in questo periodo sacro di Navaratri. La festa di Navaratri è un tempo glorioso dell'anno, ripieno di gioia, celebrazione, ed anche di grandi lezioni per le vite nostre. Navaratri significa" nove notti." Questa festa si celebra due volte l’ anno, alla fine dell’inverno per passare dalla primavera all’estate e di nuovo in autunno al cambio dall’estate all’ inverno . La festa di autunno è celebrata dal primo giorno al nono giorno , la metà di Ashvina (settembre-ottobre), mentre la Primavera  è celebrata in Chaitra (aprile - maggio). Le due celebrazioni di Navaratri sono note come Rama-Navaratri in Chaitra e Durga Navaratri in Ashvina. La celebrazione di Navaratri è in onore della grande Dea  Madre. La festa dura per nove giorni,  significando i nove aspetti gloriosi della Madre Divina. Durante il tempo di Navaratri e Dusshera, e particolarmente nello stato di Gujarat, inoltre, è una tradizione speciale di  ballare. Questo è un tipo speciale di ballo di gruppo che è compiuto tipicamente in un cerchio, insieme all’applaudire delle mani o di bastoni. Il garba ballare è compiuto tipicamente di notte, in un spazio aperto, e si crede che non solo è il ballo alla Dea di Madre, ma anche che la Dea di Madre è parte del ballo stesso, e che i ballerini stanno ballando con Lei. Ci sono pujas diversi e cerimonie compiute in ognuno dei nove giorni, più notevolmente si sta digiunando nell'ottavo giorno e poi l'immersione di Dea, l'immagine di Durga in fiumi santi ,nel tempo di  Dusshera, che subito dopo precipita nel giorno di Navaratri che  finisce il 10 giorno. L'adorazione del divino  ,SHAKTI,  tradizione indiana è una delle poche tradizioni nella quale l'aspetto Femminile del divino è adorato con tanta riverenza quanto l'aspetto Maschile. In tutta l'India Lei vedrà migliaia di tempi dedicata alle varie manifestazioni della Madre Divina. Lei troverà centinaia di migliaia di persone che sono" gli adoratori" di Shakti. Shakti è l'energia di Dio. Senza lo Shakti divino, Dio  è debole. L'aspetto creativo (il Dio Brahma), l'aspetto che sostiene (il Dio Vishnu) e l'aspetto distruttivo (il Dio Shiva) tutti hanno il loro rispettivo Shakti che offre l'energia cosmica ed il potere onnipotente ha avuto bisogno per questi grandi atti di valore. Inoltre, tutto per il quale noi preghiamo - conoscenza, prosperità ,amore - queste sono ogni manifestazione nel Divino Femminile. Dea Saraswati è la Dea della conoscenza. Maha Laxmi è la Dea della prosperità. Questo mostra che senza la Madre Divina, le nostre preghiere sarebbero vane, ed i nostri desideri andrebbero senza risposta. Quindi, Navaratri è il tempo dell'adorazione della Madre Divina. I pujas, havans ed arathi sono compiuti per Lei. Attraverso il canto dele Sue glorie noi preghiamo che Lei purificherà le nostre vite e ci porterà salute, la felicità, la pace e la prosperità. Navaratri è celebrato come il tempo che la Dea Durga (Shakti) conquistò il cattivo demone, Mahishasura, salvando con ciò il mondo dalla sua tirannia viziosa. Si dice che Mahishasura stava regnando terrore sul mondo e nessuno degli era capace di distruggerlo. Così, loro tutti si avvicinarono a Dea Durga, Shakti insieme e le diede le loro armi. Così  con Shakti Divini e le armi più potenti, Lei conquistò il demone e finì la sua tirannia dopo avere lottato per nove notti di seguito. Nel decimo giorno, Vijaya Dasami, il demone fu macellato. Questa vittoria, e le altre belle storie si associarono alla Dea Durga, che è celebrata con grande fervore in tutte le parti diverse dell'India. Il puja di Shakti è compiuto in modi elaborati e prodighi. L'adorazione di DURGA nei nove giorni della festa rappresentano anche le tre tappe attraverso  le quali si passa sul percorso spirituale. Durante i primi tre giorni, la Madre è adorata per il suo potere potente, distruttivo. Molte persone,  cominciando il percorso spirituale, hanno una paura riguardo Dio; perciò questa prima fase di Navaratri rappresenta la prima tappa di un percorso spirituale. Durante questi tre giorni, il devoto prega la Madre per usare il Suo potere distruttivo per distruggere le sue imperfezioni e le sue colpe. Lui prega  Lei per renderlo puro abbastanza per ricevere l'energia divina. Inoltre, questo aspetto del timore del Divino è quello che protegge il ricercatore spirituale e nuovo sul suo percorso. Così, i primi tre giorni di Navaratri sono dedicati ad annichilire le tendenze negative delle nostre menti e cuori. L'adorazione Di LAKSHMI ,il secondo dei tre giorni di Navaratri ,sono giorni nei quali la Madre  viene adorata per la prosperità che può concedere. Una volta che le tendenze negative sono state annichilite, si è pronti a cominciare a sviluppare una personalità positiva, spirituale. Questi sono i giorni in cui attributi positivi sostituiscono gli attributi negativi che sono stati  rimossi. Questi giorni sono l'adorazione di Maha Lakshmi, il best ower della prosperità. Sul percorso spirituale, dopo che persone hanno superato la paura di Dio, loro pregano per ricchezza materiale o  prosperità . Loro pregano per il successo nei loro azzardi e per la rimozione di ostacoli nel loro percorso. La prosperità che Maha Lakshmi dà non è soltanto la prosperità  materiale, ma è anche tutte le qualità che chiede insistentemente un ricercatore spirituale e sincero - calma, pace, equanimità, compassione, amore. Una volta che il devoto  è stato purificato da Dea Durga e ha avuto i suoi vizi annichiliti, ed una volta che lui ha avuto la ricchezza spirituale della pace interiore, calma, compassione ed amore, è pronto ricevere la vera luce della consapevolezza. Questa saggezza non può venire se non è passato attraverso i primi due palcoscenici. Nel momento in cui si versa nettare divino in una tazza sporca, rotta ed impura,  non ci si può aspettarsi similmente di avere la saggezza divina accordata se non quando il vaso è stato purificato ed è stato reso divino. Frequentemente sul percorso spirituale, i ricercatori desiderano raggiungere conoscenza divina senza essersi prima purificati e raggiungere qualità positive. Questo è impossibile, comunque. La vera luce della Saggezza Divina può essere data solamente una volta che il ricercatore ha annichilito le sue tendenze negative e ha cominciato a sviluppare un atteggiamento positivo, spirituale. Perciò, Navaratri dovrebbe essere un tempo per celebrare non solo  il trionfo di Durga su il cattivo demone, ma piuttosto dovrebbe essere anche un tempo per pregare la Dea Durga per rimuovere il male dentro di noi, non solo e il male nel mondo esterno. Noi dobbiamo pregare Lei per annichilire i nostri nemici interni - il nostro ego, la nostra avidità, la nostra rabbia –così come  lei vinse il cattivo demone. Questi tratti del volto sono in noi nel momento che diventiamo potenti, e  insidiosi.Ci si permetta di notare che la Dea Durga porta il colore rosso che simboleggia l’azione divina. La Dea non è mai inattiva. Lei è occupata nella distruzione del male sempre nel mondo. Se noi  vogliamo rimuovere il male dai nostri propri cuori e le nostre proprie vite, noi dobbiamo essere  vigilanti, attivi e consapevoli. Noi non dobbiamo divenire mai compiaciuti; rabbia, l'avidità, ego, e concupiscenza sono sempre presenti, mentre dobbiamo essere   sempre guardinghi, e sempre pronti nel dare il benvenuto ai cuori.Il giorno dopo Navaratri (il 10 giorno di Navratri) è Dusshera che commemora il giorno  che il demone 10-capeggiato da Re Ravana è stato ucciso. In questo giorno, Bhagwan Rama sconfisse il Ravana  liberando con ciò  sua moglie Sitaji che era stata rapita da questo cattivo regolo di Lanka. C'è una bella tradizione di Rama-lila che è la pittura drammatica della storia di Bhagwan Rama insieme a canzone e ballo. Persone amano guardare la vittoria di Bhagwan Rama su Ravana e celebrare il ritorno sicuro di Sitaji. Comunque, incorporato all'interno di questo poema epico scritturale ,comunicazioni vitali sono per le   nostre vite oggi. L'annientamento del Demone 10 e  La parola" Dusshera" si riferisce al taglio  dalle 10 teste di Ravana, o simbolicamente del nostro proprio Ego. Le dieci teste rappresentano passione, l'orgoglio, rabbia, l'avidità, l'infatuazione, concupiscenza, odio, la gelosia, l'egoismo e l'esser curvo. Come noi celebriamo questa festa, come noi ci rallegriamo  per la vittoria di Bhagwan Rama, ci permettiamo di chiedere a noi," il Rama che è in noi è stato vittorioso sul  nostro proprio Ravana? Il buono nei nostri cuori sta conquistando il male? Abbiamo decapitato il demone 10-capeggiato all'interno di noi? Abbiamo annichilito passione, l'orgoglio, rabbia, l'avidità, l'infatuazione, concupiscenza, odio, la gelosia, l'egoismo e l'esser curvo dalle nostre proprie vite?" Dusshera non solo è una festa su Dio Rama e Ravana. Piuttosto, è un giorno santo, circa esaminandosi. Quando affrontiamo  una scelta di come agire, ci comportiamo come Rama o come Ravana? ABBIAMO CONQUISTATO IL NOSTRO EGO? Dopo la battaglia in Lanka, quando Dio Rama stava mostrando Sitaji sul campo di battaglia, lui non disse," Questa è la macchia dove io macellai il cattivo Ravana." Piuttosto, lui disse," Questo è dove Ravana morì." Anche dopo avere realizzato il compito grave di uccidere Ravana, Dio Rama ancora era umile. Noi di solito chiediamo insistentemente d'altra parte nelle nostre proprie vite, l'attenzione, l'encomio ed il rispetto di altri. Noi siamo così rapidi ad indicare i nostri propri conseguimenti e darsi credito. Noi siamo così rapidi per mettersi nel centro. Ci permetta di prendere questa bella lezione di come rimanere umile, pio ed altruista. "Questo è dove Ravana morì," non riguarda questo dove io sconfissi coraggiosamente Ravana." Anche, mentre Ravana posò morire, Bhagwan Rama non si divertì nella vittoria. Piuttosto, lui spedì il suo fratello Lakshman per imparare dal re di demone morente. Ravana era un grande studioso, un padrone Vedico ed incomparabile che - a causa di questo proprio orgoglio, ego, la vanità e desideri insaziabili - divenne un demone. Quindi, Bhagwan Rama spedì Lakshman per andare ad ascoltare parole della saggezza Vedica da Ravana ,come la disposizione seconda sul suo letto di morte. Bhagwan Rama seppe che, anche se i vizi di Ravana avessero provocato la sua propria caduta (nel momento in cui i nostri propri vizi eventualmente ancora inevitabilmente provochino la nostra caduta) lui ancora era uno studioso venerabile ed uno da chi la grande saggezza potrebbe essere ottenuta. Ulteriormente, noi dobbiamo ricordare che la guerra di Lanka fu vinta perché Bhagwan Rama aveva costruito un ponte a Lanka, un ponte al regno del nemico. Questa è anche un'importante lezione. Nelle nostre vite, noi dovremmo imparare a costruire ponti tra noi ed altri, anche con quelli che noi possiamo considerare nemici. Piuttosto, che isolandosi da altri,  impariamo a costruire ponti che condurranno ultimamente ad una cessazione di lottare o ad una vittoria del bene  sul male.-Quindi, in questo giorno quando noi celebriamo la morte  di Ravana, ci permette di chiedere a noi se il nostro Ravana interno è  morto. Ci permette di impegnare a rimuovere il male dalle nostre proprie vite. Ci permette di pregare  Dio per avere la forza di essere puro, altruista, umile, amoroso ed onesto ogni giorno delle  nostre vite. Ci permette di prendere passi e ogni giorno (non solo su Dusshera) divenire sempre più come Dio Rama piuttosto che sempre più come Ravana. Ci permette di costruire ponti tra noi ed altri, anche quelli che noi riteniamo" nemici." Alla fine di ogni giorno, quando la nostra introspezione  esamina le nostre azioni, i nostri pensieri e le nostre parole, ci permette di aprire i nostri propri rendiconti patrimoniali e vedere se noi stiamo divenendo più come Rama o più come Ravana. Ci auguriamo che, in questo  sacro periodo, noi ci sforzeremo di produrre il Rama interno e vincere il Ravana interno. Possa Dio benedire Lei, voi  tutti e le vostre famiglie Con amore e benedizioni. Nel servizio di Dio ed umanità, Swami Chidanand Saraswati  


 

 

Aggiornata l'ultima volta da LAVORGNA MARIA GABRIELLA 23 Set 2015.

© 2017   Creato da LAVORGNA MARIA GABRIELLA.   Tecnologia

Badge  |  Segnala un problema  |  Termini del servizio